Venerdì 1 novembre,

Solennità di Tutti i Santi, con le S. Messe secondo l’orario festivo. Nel primo pomeriggio come è tradizione il canto dei vespri e la benedizione eucaristica in chiesa parrocchiale, seguiti poi dalla visita al camposanto, occasione preziosa per poter lucrare comunitariamente l’indulgenza plenaria applicabile anche ai nostri defunti. Per tutta la giornata, è continuata l’“Operazione dolce aiuto” con la vendita di torte, biscotti e fave a sostegno del nostro oratorio, come pure abbiamo avuto la possibilità di poter offrire intenzioni di sante Messe da celebrare durante l’anno per suffragare i nostri morti.

Sabato 2 novembre,

Commemorazione di tutti i fedeli defunti e apertura dell’Ottavario a loro dedicato. Alle 7.30 S. Messa in chiesa parrocchiale, alle 10.30 e 16.30 S. Messe celebrate presso il cimitero, in suffragio di tutti i defunti. Anche oggi fino all’8 novembre, con la visita al camposanto, è stata data dalla Chiesa la possibilità di lucrare l’indulgenza applicabile ai defunti. Dal tardo pomeriggio, è proseguita l’“Operazione dolce aiuto” con la vendita di torte, biscotti e fave a sostegno del nostro oratorio, come pure la raccolta straordinaria di intenzioni di sante Messe.

Domenica 3 novembre,

XXXI domenica del Tempo Ordinario. La S. Messa delle 11, celebrata dal vescovo emerito di Lodi mons. Giuseppe Merisi, ha ricordato i caduti di tutte le guerre e le vittime della violenza ed ha visto la presenza delle autorità civili, delle autorità militari ed anche delle rappresentanze delle associazioni combattentistiche e di volontariato. Anche oggi per tutto il giorno, è continuata l’“Operazione dolce aiuto” con la vendita di torte, biscotti e fave a sostegno del nostro oratorio, come pure è proseguita la raccolta straordinaria di intenzioni di sante Messe per suffragare i nostri cari defunti. Un doveroso ringraziamento a chi, in queste giornate festive, ha messo generosamente il suo tempo a disposizione per la buona riuscita di queste due iniziative.

Lunedì 4 novembre,

da oggi e per tutto l’Ottavario dei defunti, nelle S. Messe feriali sia in chiesa parrocchiale sia al cimitero sono stati proclamati i Vangeli dell’Ottava di Pasqua: si è voluto così legare questo periodo, in ricordo di chi ci ha preceduto nel ritorno alla Casa del Padre, al tema della speranza che annuncia la nostra fede, quella nella Risurrezione. Alle 21 incontro dei catechisti dell’iniziazione cristiana in oratorio.

Martedì 5 novembre,

alle 21 incontro del team educativo in oratorio.

Mercoledì 6 novembre,

alle 20.45 incontro del Consiglio Pastorale Territoriale presso la Cooperativa Ecosviluppo.

Venerdì 8 novembre,

in serata, presso la chiesa parrocchiale, la celebrazione eucaristica a chiusura dell’Ottavario dei defunti è stata in suffragio dei 112 fratelli della nostra comunità, o legati ad essa, morti dal 2 novembre 2018 al 1° novembre 2019.

Sabato 9 novembre,

alle S. Messe del mattino abbiamo festeggiato l’anniversario della Dedicazione della Basilica Lateranense, cattedrale di Roma e madre di tutte le chiese del mondo. Nel pomeriggio pellegrinaggio delle Madri Cristiane a Somasca. Nella S. Messa vespertina abbiamo ricordato tutti coloro che sono morti in giovane età.

Domenica 10 novembre,

XXXII domenica del Tempo Ordinario e apertura della Settimana della Carità e del povero. Le elemosine raccolte durante tutte le S. Messe sono state devolute alla Conferenza di San Vincenzo de’ Paoli e al Centro di primo ascolto per progetti caritativi a sostegno di persone in difficoltà presenti nel nostro territorio. Sia in chiesa parrocchiale, sia al santuario, da oggi e per i giorni seguenti, sono stati raccolti anche generi alimentari e altro materiale per le distribuzioni mensili ed è continuata la raccolta di offerte in denaro devolute al Fondo di solidarietà per le famiglie in difficoltà; tutte queste iniziative sono state pensate per chi sta vivendo un momento di particolare indigenza. Aiutati dagli amici del Centro di primo ascolto e dagli aderenti alla Conferenza di San Vincenzo, siamo stati invitati a riflettere sul tema della povertà che ci interpella quotidianamente: per restituire speranza: infatti, basta un po’ di disponibilità all’ascolto verso persone a cui andare incontro, giovani e anziani soli con cui condividere qualcosa, uomini, donne e bambini che attendono una parola amica e anche un aiuto concreto. In questo modo possiamo sperimentare la bellezza di incontrare il volto del Signore Gesù che si manifesta soprattutto nei poveriMolteplici e diversificati poi gli appuntamenti proposti in questo pomeriggio domenicale: in chiesa parrocchiale è stato donato il Battesimo a quattro bambini; in oratorio, hanno avuto luogo la castagnata con i laboratori creativi per i bambini e il primo incontro per le famiglie del primo anno di catechesi; presso il nostro santuario, è iniziato il progetto promosso dal servizio “Primo annuncio” dell’Ufficio catechistico diocesano, dal titolo “Cercatori di Dio”. Questo progetto di ri-annuncio è nato dalla domanda, intercettata anche negli appuntamenti di “Evangelizzazione di strada“, di tanti giovani e adulti che hanno manifestato il desiderio di ricominciare a credere e chiedono un accompagnamento per riavvicinarsi alla fede cristiana.

Lunedì 11 novembre,

è iniziata la proposta della catechesi settimanale del lunedì mattina dopo la S. Messa delle 9, affidata quest’anno a don Giandomenico che ha scelto il tema proposto dalla diocesi dal titolo “Va’ e di’ loro“. Alle 19 cena e a seguire primo incontro di formazione per educatori, volontari e catechisti degli adolescenti in oratorio.

Martedì 12 novembre,

in tarda mattinata, tre classi di alunni di quarta elementare della scuola “Don Minzoni” hanno fatto visita alla nostra chiesa parrocchiale guidati dall’esperto di storia stezzanese Daniele Vitali. Alle 20.45 si è concluso il percorso formativo STAZZA “Alla ricerca del senso – Un percorso alla ricerca del senso della vita cristiana oggi”. In questo ultimo incontro “Quali sfide bollono in pentola per le nostre comunità cristiane bergamasche? Don Mattia, cui va il nostro più sentito ringraziamento per le importanti riflessioni che ci ha consegnato, ci ha presentato le tre azioni di conversione pastorale che la nostra Chiesa di Bergamo è chiamata a compiere in relazione alla missione dei preti e al ruolo dei laici: le terre esistenziali, luogo dell’azione pastorale oggi; le CET; le fraternità presbiterali.

Mercoledì 13 novembre,

con oggi è iniziata la celebrazione eucaristica serale del mercoledì presso la cappella dell’oratorio, seguita da un momento di adorazione eucaristica comunitaria. Alle 20.45 riunione in oratorio dei volontari del bar dell’oratorio.

Domenica 17 novembre,  XXXIII domenica del Tempo Ordinario.

Oggi è stata la “Giornata di annuncio dei giorni di testimonianza della Comunità Shalom” che si sono celebrati poi nella nostra parrocchia dal 28 novembre al 1° dicembre 2019. La Comunità Shalom è una “Comunità di vita” con sede a Palazzolo sull’Oglio (BS), che si occupa dal 1986 della riabilitazione e del reinserimento sociale dei tossicodipendenti con patologie associate. La comunità, regolarmente autorizzata dalle autorità competenti, focalizza la sua attività sul recupero della persona nella sua interezza: fisicità, personalità, autocoscienza, affezione, senso di responsabilità; la persona così rifiorita ritorna a vivere. Questo è possibile grazie al metodo ed ai rapporti che si vivono in comunità, in primis con la sua fondatrice, la bergamasca suor Rosalina Ravasio. Il percorso dura in media 5-6 anni, al termine del quale la persona viene gradualmente guidata al suo completo reinserimento nella società; viene aiutata a trovare un lavoro, un alloggio, fino al momento della sua completa autonomia. I risultati parlano da soli: la Comunità Shalom ha il più basso tasso di abbandono e di recidiva tra le comunità di recupero in Italia. In questa giornata abbiamo avuto la presentazione di questa bella iniziativa di fine novembre/inizio dicembre da parte dei ragazzi della comunità che hanno animato: le S. Messe delle 9.45, delle 11, l’adorazione pomeridiana, sia in chiesa parrocchiale che al santuario, e la S. Messa delle 18.30 in chiesa parrocchiale; il ritiro del mattino in oratorio per ragazzi e genitori del terzo anno di catechesi e l’incontro straordinario proposto nel tardo pomeriggio ai ragazzi di terza media e agli adolescenti, sempre in oratorio. Una occasione unica e preziosa che la parrocchia ha voluto offrire quest’anno a tutta la comunità stezzanese, per aiutare le famiglie ad affrontare con serietà e realismo, l’accompagnamento educativo della nostra gioventù, che non poche volte vediamo disorientata e in balia di cattive abitudini, le quali spesso compromettono la vita stessa di ragazzi, adolescenti e giovani. In questa domenica, poi, ci siamo uniti alla Chiesa universale celebrando la terza “Giornata mondiale dei poveri” il cui messaggio inviato dal Papa a tutta la Chiesa ha avuto come titolo: “La speranza dei poveri non sarà mai delusa“.

Lunedì 18 novembre,

alle 20.45 riunione del Consiglio Pastorale Parrocchiale in oratorio.

Sabato 23 novembre,

nel pomeriggio adorazione eucaristica chiusa dai Vespri e seguita dalla S. Messa solenne. A chiusura dei vespri è stata recitata, davanti al Santissimo Sacramento solennemente esposto, la preghiera composta da San Paolo VICristo tu ci sei necessario” per affidare a Cristo Re tutta l’umanità. Dal tardo pomeriggio è iniziata la tradizionale proposta mensile a sostegno del nostro oratorio dal titolo “Operazione dolce aiuto” con la vendita di torte e biscotti. Sempre nel tardo pomeriggio in oratorio è iniziato lo Stand By me per i ragazzi del sesto anno di catechesi.

Domenica 24 novembre,

Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo e chiusura dell’anno liturgico. Nella S. Messa delle 8.30 è stato istituito un nuovo ministro straordinario della Santa Comunione, che è chiamato a svolgere il servizio liturgico della distribuzione della Santa Eucaristia durante le S. Messe e, fuori dalle celebrazioni, a portare il Santissimo Sacramento agli ammalati nelle loro case. È stato doveroso, in questa circostanza, esprimere il ringraziamento della comunità a tutte quelle persone che già svolgono questo prezioso ministero a favore soprattutto di anziani e infermi, permettendo così di prolungare il beneficio spirituale della S. Messa, in particolare di quella domenicale e festiva. Nel pomeriggio durante i Vespri e l’adorazione eucaristica è stato recitato l’Atto di Consacrazione del Genere Umano a Cristo Re con annessa Indulgenza plenaria. Per tutta la giornata, è continuata l’“Operazione dolce aiuto” con la vendita di torte e biscotti. Grazie infinite a chi ha preparato, venduto e acquistato i dolci a sostegno del nostro oratorio.

Lunedì 25 novembre,

la S. Messa delle 16,30 si è prolungata con l’adorazione eucaristica in preparazione alle “Giornate di testimonianza della Comunità Shalom“.

Martedì 26 novembre,

anche oggi la S. Messa delle 16,30 si è prolungata con l’adorazione eucaristica in preparazione alle “Giornate di testimonianza della Comunità Shalom“.

Mercoledì 27 novembre,

in serata la S. Messa delle 20.30 nella cappella dell’oratorio si è prolungata come consuetudine con l’adorazione eucaristica: la preghiera è stata finalizzata in preparazione alle “Giornate di testimonianza della Comunità Shalom“.

Giovedì 28 novembre.

Gesù è vivo“: con questo bellissimo slogan abbiamo aperto le “Giornate di testimonianza con la Comunità Shalom“. Alle 9 celebrazione eucaristica con l’animazione dei giovani della Comunità e a seguire “Shalom in uscita“: i ragazzi sono andati a dare testimonianza tra la gente nelle vie e nelle piazze di Stezzano. Dopo la S. Messa delle 16.30 in chiesa parrocchiale, l’adorazione eucaristica guidata “Ci incontriamo con Gesù”, in cui abbiamo avuto la possibilità di pregare con i ragazzi della Comunità Shalom per i gruppi e le famiglie della nostra parrocchia. In serata alle 21 in oratorio l’incontro aperto a tutti: genitori, educatori e adulti con la presenza di suor Rosalina Ravasio, fondatrice della Comunità.

Venerdì 29 novembre,

seconda Giornata di testimonianza con la Comunità Shalom“. Alle 9 la S. Messa animata dai giovani e, anche stamattina, “Shalom in uscita” tra la gente. Alle 16.45 in oratorio, un incontro particolare con la Comunità Shalom pensato per i ragazzi di prima e seconda media. Dopo la S. Messa pomeridiana, dalle 17 alle 18 in chiesa parrocchiale, “Ci incontriamo con Gesù”, un’ora di adorazione eucaristica guidata oggi dalle sole ragazze della Comunità Shalom, pregando insieme a loro per i gruppi e le famiglie della nostra comunità parrocchiale. Alle 21 in oratorio i giovani della Comunità Shalom hanno incontrato i giovani di Stezzano.

Sabato 30 novembre,

terzaGiornata di testimonianza con la Comunità Shalom“. Alle 9 abbiamo celebrato l’Eucaristia con l’animazione da parte dei giovani della Comunità Shalom ed è stata data la possibilità di incontrarli e di condividere con loro la nostra e la loro esperienza. Alle 15 l’incontro in oratorio per i ragazzi di prima e seconda media. Alle ore 17, in chiesa parrocchiale, l’appuntamento “Ci incontriamo con Gesù”, preghiera guidata dalla Comunità Shalom in adorazione davanti all’Eucaristia per e con i gruppi e le famiglie della parrocchia. Alle 18.30 la S. Messa vespertina della vigila animata dai giovani della comunità. Alle 21 in oratorio “E gioia sia!”: serata di festa per tutta la comunità con i giovani della Comunità Shalom.

© 2019-2020 Parrocchia S.Giovanni Battista - P.IVA 01388190165